1 1 1 1 Alla riscoperta di Monteverdi il sentimento diventa musica: le celebrazioni per il 450° della nascita del compositore Da sempre sulla tomba di Claudio Monteverdi, nella Basilica dei Frari a Venezia, c'è una rosa rossa, deposta da anonimi ammiratori del musicista che ha rivoluzionato la musica nel 1600, portandovi la ricerca dei sentimenti.

In occasione del 450° anniversario della nascita di Monteverdi (Cremona 9 Maggio 1567) tre grandi istituzioni veneziane - la Procuratoria di San Marco, la Scuola Grande di San Rocco e la Basilica dei Frari - si sono accordate per celebrare l'artista che, dopo avere frequentato la corte dei Gonzaga a Mantova, approdò a Venezia, considerata nella prima metà del Seicento la sede più significativa dell'arte musicale. Qui Monteverdi, diventato in maturità sacerdote dopo la morte della moglie, seppe sviluppare radicalmente la musica unendo l'orchestra al coro e la poesia al teatro, alla pittura, alla danza, in una visione complessiva della sonorità.

Monteverdi fu infatti Maestro di Cappella nella Basilica di San Marco, organista e compositore per la Scuola Grande di San Rocco ed è sepolto nella chiesa dei Frari. Le celebrazioni si svolgeranno in tre momenti: domenica 7 maggio alle 12.45 ai Frari, per le onoranze alla sepoltura di Monteverdi, poi a San Rocco con l'esecuzione di opere e composizioni sacre e profanne accompagnate da conferenze illustrative del percorso compiuto dal grande cremonese. Il momento conclusivo sarà il 12 ottobre alle ore 20 nella Basilica di San Marco con l'esecuzione di uno dei testi più importanti della produzione monteverdiana: "Il Vespro della Beata Vergine". Le note del grande musicista risuoneranno pertanto nei luoghi per cui sono state composte.

Con questi eventi le tre istituzioni intendono ricordare non solo l'importanza dell'opera monteverdiana nell'evoluzione dell'arte musicale, ma insieme anche sottolinearne la straordinaria attualità culturale. Un appuntamento particolare sarà alla Scuola Grande di San Rocco il 13 maggio con la presentazione della cartolina commemorativa con apposito annullo di Poste Italiane, seguita dalla conferenza di David Bryant di Ca' Foscari su "Monteverdi e Venezia" e da un concerto con musiche tratte da "L'Orfeo, favola pastorale"; "Il lamento della ninfa"; "Il combattimento di Tancredi e Clorinda", testo di Torquato Tasso, musica di Claudio Monteverdi. Eseguono: Orchestra "L. da Ponte" e "Venice Monteverdi Academy", M. Borgioni baritono, diretti da Roberto Zarpellon in collaborazione con il Festival Galuppi. 

A conclusione dell'anno monteverdiano, a dicembre a San Rocco sarà presentato il cd "I Vespri dell'Assunta", eseguito dalla Cappella Marciana diretta da Marco Gemmani, e del Volume sul periodo Veneziano di Monteverdi a cura di Rodolfo Baroncini e Marco di Pasquale.
Retourner à l’historique Infos
2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 5 5 5 5 6 6 6 6 7 7 7 7
10 10 10 10
Découvrez ce que vous pouvez faire à Venise
 
Cliquez sur la date qui vous intéresse pour visualiser les évènements proposés par ArteMusicaVenezia