1 1 1 1 Caterina de Fusco - Viaggio del cuore, Rotta Napoli - Istanbul dal 4 aprile all'11 maggio

Dal 4 aprile all’11 maggio apre al pubblico presso gli spazi espositivi dell’Officina delle Zattere a Venezia la mostra “Viaggio del cuore, Rotta Napoli-Istanbul” di Caterina De Fusco, che comprende il video omonimo e una serie di immagini scattate durante i viaggi necessari alla sua realizzazione.

Il lavoro “Napoli-Istanbul”, iniziato per un impulso emotivo e divenuto in seguito un progetto audiovisivo, è un testo multiforme, connotato da complessa stratigrafia, un viaggio esperienziale che cerca innanzitutto l’unione con se stessi e quindi con gli altri e con le genti. La costruzione del racconto muove dall’esigenza di trasportare lo spettatore all’interno di uno spazio in cui poter percepire, sulla pelle, il bisogno di ricongiunzione di popoli e religioni. L’artista è convinta che, in questa delicata congiuntura storica, il lavoro celi, forte, quella volontà inespressa dei popoli di riconoscersi, comprendersi, allearsi.
Il percorso si compone primariamente di una discesa nel sottosuolo di entrambe le città, poi riemerge in superficie attraverso l’arte, la danza, la musica, la ceramica e l’osservazione del comportamento delle genti d’Oriente e d’Occidente.  La connessione dei linguaggi, musicale, scritto e immaginifico, entra, scruta all’interno di realtà popolari e nobiliari, cercando di rendere visibile come l’arte permetta l’unione tra le genti. Le foto sono parte dei viaggi fatti per far sì che il video si componesse.
Se la Terra, lambita dall’acqua, si fa specchio della vita, quest’ultima non può nascondere la bellezza e la creatività umana, che si manifesta nelle cromie di ceramiche, nei mosaici, nei dipinti, come nelle mura scrostate. La Bellezza reca in sé il positivo, il negativo, il bianco e il nero, la luce e l’ombra. Non è una chimera come vorrebbe la nostra società ma una danza manifesta, come il ruotare su un unico asse del sufi. L’immagine di una Vergine, dell’ alfa e dell’ omega chiave del mondo greco, di una cisterna, di una “marginetta” cercano di condurre lo spettatore verso quel “sacro” che, in ciascuno di noi, esiste.
Ritornare al “sacro”, necessità sacrosanta del nostro tempo storico.

La mostra è curata da Giovanni Gastel.

Vernissage 4 aprile ore 18.00.
Dal 5 aprile all’11 maggio: aperto da martedì a domenica, dalle ore 11.00 alle ore 19.00.

Ingresso libero

Officina delle Zattere, Fondamenta Nani, Dorsoduro 947, Venezia

http://www.officinadellezattere.it/caterina-de-fusco/
Retourner à l’historique Infos
2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 5 5 5 5
10 10 10 10
Découvrez ce que vous pouvez faire à Venise
 
Cliquez sur la date qui vous intéresse pour visualiser les évènements proposés par ArteMusicaVenezia