1 1 1 1 Musei Civici, corto circuito tra antico e moderno E' segnato inevitabilmente dal rapporto con l'arte contemporanea, anche per la concomitanza con la Biennale Arti Visive, ormai "metronomo" degli eventi espositivi veneziani del periodo, il 2017 della Fondazione Musei Civici Veneziani (MuVe). Già abbondantemente iniziato, il direttore Gabriella Belli ha parlato di "corti circuiti" proprio a sottolineare gli abbinamenti che vedremo tra l'arte antica dei musei veneziani e le proposte del contemporaneo che ospiteranno.

A partire dalla Galleria internazionale di Ca' Pesaro (www.capesaro.visitmuve.it) che sarà completamente ripensata nel percorso espositivo grazie anche alle opere in arrivo dalla Collezione Carraro (da De Chirico a Morandi a Martini) e alle circa 60 che finalmente usciranno dai depositi dei musei dedicando, com'è giusto per la sua storia, un'intera sala ai "ribelli di Ca' Pesaro", ma ospitando anche una nuova sezione sull'Arte Povera dalla Collezione Sonnabend. Ma Ca' Pesaro ospiterà soprattutto dal 24 giugno una grande mostra di ritratti di David Hockney, organizzata dalla Royal Academy, rendendo omaggio al famoso pittore figurativo britannico ormai ottantenne quasi in contemporanea con la grande mostra che Londra gli dedica alla Tate Britain. 

Sempre sull'onda dell'antico-contemporaneo che percorre da tempo Palazzo Fortuny (www.capesaro.visitmuve.it), Intuition, che dal 13 maggio esplorerà il tema dell'intuizione dall'iconografia religiosa fino all'Espressionismo Astratto e oltre.

Il Museo Correr (www.capesaro.visitmuve.it) negli stessi giorni si aprirà invece ai ritratti fotografici inquietanti e sorprendenti dell'iraniana Shirin Neshat. Mentre il Museo del Vetro di Murano (www.capesaro.visitmuve.it) sarà lo spazio scenico  di una mostra dei lavori in vetro di un artista e designer originalissimo come l'ormai novantenne Gaetano Pesce.

Ca' Rezzonico (www.capesaro.visitmuve.it)si aprirà invece a un'artista contemporanea presente all'ultima Biennale come Marzia Migliora con la mostra "Velme" sulle relazioni tra terra e acqua. E un videoartista ormai storicizzato come Douglas Gordon ha scelto le Prigioni di Palazzo Ducale (www.capesaro.visitmuve.it) per un suo lavoro dedicato alla Cripta dei Cappuccini di Palermo.

Ancora, al Museo Correr (www.capesaro.visitmuve.it, Jean Clair dedicherà una mostra ai ritratti di una artista franco-americano che vive a Venezia come Roger de Montebello. Al Museo Correr troverà spazio anche il Museo dell'Ottocentoripristinando, come molti veneziani chiedevano, un percorso museografico dedicato alla storia del Risorgimento veneziano, mentre il Museo del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo (www.capesaro.visitmuve.it) darà spazio con Transformation a una mostra di sei giovani artisti svedesi che creano opere-gioiello con materiali poveri.

La proposta dei Musei Civici si allarga anche a Mestre e al Centro Espositivo di Piazzale Candiani (www.capesaro.visitmuve.it). Prima, dal 14 Aprile, mettendo a confronto Tiziano e Fontana intorno al tema dell'Annunciazione, allargandola anche a Canova e all'artista statunitense della luce Dan Flavin, poi ospitano dall'1 luglio una selezione delle opere pop della collezione Sonnabend che sono già a Ca' Pesaro.


Retourner à l’historique Infos
2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 5 5 5 5 6 6 6 6 7 7 7 7
10 10 10 10
Découvrez ce que vous pouvez faire à Venise
 
Cliquez sur la date qui vous intéresse pour visualiser les évènements proposés par ArteMusicaVenezia